Attenti, morde. Recensione QUALCUNO CON CUI CORRERE di D. Grossman

Recensione QUALCUNO CON CUI CORRERE di D. Grossman. Oscar Mondadori.

Recensione QUALCUNO CON CUI CORRERE di D. Grossman

Attenti, morde.

Questa frase minacciosa, adatta più ad una fiera che ad un libro, scrissi sulla prima pagina del volume, non appena finii di leggerlo. Un impulso irrefrenabile mi spinse a quel gesto inconsulto e infantile, perché in quel momento era ciò che meglio esprimeva quello che provavo dopo aver letto quel libro. (altro…)

Amore pazzo

Follia di Patrick McGrath.  Adelphi

Amore pazzo

Amore Pazzo

Sin dall’infanzia ci viene inculcata un’idea salvifica e consolatoria dell’amore. L’idea di un sentimento potente, capace di superare qualunque ostacolo, il quale nobilita il cuore di chi lo prova e di chi lo riceve.  Ma non è così. (altro…)

Egoismo del respiro

Egoismo del respiro il romanzo di Giada Strapparava

Egoismo del respiro il romanzo di Giada Strapparava

Egoismo del respiro: L’egoismo è quella grande forza che unisce tutti gli uomini, ma allo stesso tempo li divide.

Egoismo del respiro

L’egoismo del respiro è il frutto di un lavoro di introspezione che l’autrice ha fatto su se stessa e che ha poi proiettato sul mondo. Rappresenta la primitiva coscienza umana che attraversa le varie fasi della vita, dove la luce si mescola inevitabilmente con il buio. Narra sotto la voce di una mente criminale e malata quello che il mondo vive quotidianamente, ma che non ha il coraggio di accettare.

L’egoismo del respiro non è altro che un flusso di bisogni che ha creato l’uomo per sentirsi continuamente appagato di un qualcosa che in realtà non esiste. Colton Miller, il protagonista del romanzo, rappresenta l’esatto prototipo dell’essere umano. Interpreta l’egoismo, che si trasforma in forza, che finisce per essere debolezza.

Rappresenta almeno per un secondo ogni individuo nel mondo, solo che le persone non lo ammetterebbero mai. Il sentirsi debole abbatte, come il sentirsi pazzo. Ma ognuno di noi nel suo piccolo si è sentito almeno per un breve tempo corroso dalla vita, dall’egoismo dalla vita e dalla grande tristezza di non essere capito e questo genera rabbia, ma ammettere di essere sull’orlo della pazzia crea vergogna.

Colton Miller non rappresenta altro che le debolezze dell’uomo, racchiuse in un essere che cerca di rincorrere un’ideale che è impalpabile come l’aria. Odia principalmente l’ipocrisia e i limiti che l’uomo si inserisce nella mente e che poi non rispetta. Odia vedere i grandi valori persi nel tempo e le idee rendersi impalpabili come l’aria. Anche se poi, lui come esatta rappresentazione umana è il primo a peccare, ma qui sta il senso: l’egoismo dell’uomo di non accettare i suoi limiti e di vedere come potenziali peccatori altri uomini che non sono altro che il riflesso di se stesso.

Che cosa pensate voi in merito all’egoismo?

Un giovane scrittore ma di grande talento: Matteo Rolleri ci presenta il suo primo romanzo dark.

ESTRATTO DAL LIBRO DI MATTEO ROLLERI:

“Avvicinati, non puoi farne a meno” era come un sussurro nella testa, “nutriti dell’essenza di morte presente nell’aria.” Ora che ci facevo caso, da quando ero entrato nell’obitorio era come se la stanchezza ed i pensieri si erano secondo dopo secondo sciolti, sentivo un potere dentro di me crescere come le radici di una quercia, profonde e resistenti. Decisi di avvicinarmi, mi feci coraggio ed alzai il lenzuolo.


death-293798

 

 

(altro…)

le chiavi del paradiso

Le chiavi del Paradiso…curiosando tra le pagine.

Le chiavi del paradiso.

Non era mai stato un tipo da smoking. Le formalità, le etichette, le scontate riseghe della società lo lasciavano annoiato e schifato. Ma, infondo, cosa non si fa per amore? Nulla di eclatante. Delle scarpe da sera, quanto di meno sportivo aveva nella scarpiera. Un paio di jeans neri, una camicia ed una giacca. Semplice. Dinanzi un locale, il loro locale, quello in cui avevano passato la maggior parte degli anniversari e dei compleanni. Tutti lo conoscevano all’interno, a partire dal cuoco fino all’ultimo dei camerieri.

-Il solito tavolo? -Si, grazie

Sorrise ebete, annuendo lieve alle parole del cameriere che; sorridendogli, lo accompagnava nello stesso tavolo che usava sedere da cinque anni a questa parte. Prese posto con calma, iniziando a guardarsi attorno. Era in perfetto orario, come quasi sempre. Lei si sarebbe fatta attendere, ritardataria cronica, come sempre.

“Chissà quanto mi farà aspettare oggi. Di solito non scende sotto la mezz’ora. Ma vabbè, fosse per mezz’ora posso aspettare tranquillamente” (altro…)

Senza scontrino non si esce

Senza scontrino non si esce: Flavia Todisco ci fa curiosare tra le pagine del suo libro.

Senza scontrino non si esce è un libro di Flavia Todisco, edito da Robin Edizioni.


 

“Tutti sospesi, tutti di fronte a un salto, come giocolieri e saltimbanchi, una piroetta…et voilà nuovamente sul palcoscenico della vita”.


 

Vi state chiedendo di cosa tratta Senza scontrino non si esce, meraviglioso libro di Flavia Todisco?

Ve lo sveliamo subito! (altro…)