La demoniaca presenza in via Cesare

presenza

Ad essere sinceri Bernadette non era quello che si potrebbe definire comunemente una ragazza carina o piacente, la natura non era stata del tutto generosa con lei, tuttavia non si poteva nemmeno definire brutta nel senso completo del termine, aveva solo quell’aspetto un po’ scialbo e sciatto che di solito spinge questo tipo di persone a intraprendere percorsi di vita piuttosto alternativi, per esempio andando a fare volontariato in Africa, dove laggiù solitamente nessuno (o quasi) li giudica per l’aspetto, ma al contrario sono ben visti per il loro buon cuore, perpetrando una carriera da infermieri oppure scegliendo di andare a vivere negli istituti religiosi assieme ad altre giovani dai lineamenti poco soavi e aggraziati.

(altro…)

Divinity Club

Divinity club
«Abbiamo ricevuto diverse soffiate e accumulati numerosi indizi che ci portano a indagare in via non ufficiale sul Diviniy Club, ecco perché ti abbiamo scelta per farti partecipare a quel corso intensivo. Dovrai essere gentile, accondiscendente e, soprattutto, mostrare il tuo miglior sorriso ogni volta che sarà necessario. É un lavoro delicato, abbiamo bisogno di scoprire cosa accade all’interno di quel perimetro frequentato da gente di altissimo rango!»

(altro…)

Racconto IL CRONOVETTORE

Guardate bene questa immagine e poi lasciatevi rapire da questo racconto…

13396743_1841090022789467_667885159_o (1)

 

Racconto IL CRONOVETTORE

 Roma, sabato 4 aprile, 2015.

Una giovane donna bruna dai lineamenti soavi, scende da un autobus e si infila in una delle vie nella zona est del Colosseo alle undici e venti del mattino. Da una traversa, sbuca un uomo alto, abbigliato con un leggero soprabito e un cappello sulla testa che la segue a passo lento con le movenze di un felino. Lo sconosciuto, (altro…)

CHI VA E CHI RESTA

CHI VA E CHI RESTA

CHI VA E CHI RESTA

Era una notte buia e tempestosa, ma non una di quelle da film dell’orrore, solo il meteo capriccioso che aveva deciso di rendere il viaggio di Steven Parker davvero avvilente a causa di un temporale estivo improvviso. Affermato ormai da anni come fisioterapista a Los Angeles, scelse di tornare a casa dai suoi genitori per festeggiare assieme a loro il quarantesimo anniversario di matrimonio. Il taxi si fermò proprio davanti alla casa dov’era nato e cresciuto: un discreto (altro…)

IL VISITATORE

 

13288589_1834435606788242_527901241_o

IL VISITATORE

Ero sua, dopo un anno o poco più, ero finalmente sua, corpo e anima. Mi abbandonai tra le sue braccia come se avessi aspettato da secoli, fin da bambina, la sua venuta.
Facevo la cameriera in una stazione di servizio a quel tempo, una delle poche attività che mi consentissero di sbarcare il lunario in attesa di finire gli studi all’università di Stanford, nel cuore della Silicon Valley. Sulla targhetta appesa sopra la mia vecchia divisa, c’era impresso ancora il mio nome di quand’ero una giovane sognatrice ingenua, Katie Myers. (altro…)

IL FOTOGRAFO: un racconto di Gero Marino

IL FOTOGRAFO

 IL FOTOGRAFO

Qual è il colmo per un fotografo? Vi chiederete. Dovrete sudarvela la risposta, ma vi garantisco che l’avrete solo alla fine della mia storia.

Mi chiamo Oliver e vivo a Hollywood, la mecca del cinema, dove i sogni prendono vita e poi rimangono per sempre nella storia o almeno così credevo quando sono arrivato da Boston per aprire il (altro…)