Intervista a Salvatore Amato

Oggi conosciamo meglio lo scrittore Salvatore Amato, autore del libro Fra-Fuori dal grigio.

salvatore amato

Benvenuto Salvatore, vuoi raccontarci da dove vieni e cosa fai nella vita?

Sono nato a Messina, cresciuto a Roma e vivo girovagando per l’Europa.

Nella vita oltre a lavorare, collaboro con Archivio Spettacolo e coltivo le mie passioni da scribacchino, partecipo a tutti i concorsi letterari che mi ispirano e da questi sto ricevendo notevoli soddisfazioni.

Come è entrata la scrittura nella tua vita e che parte occupa attualmente?

La scrittura nella mia vita è entrata fin dall’infanzia, attraverso i libri e grazie a mio nonno materno, che mi fece appassionare alla letteratura fin da bambino. Poi crescendo ho iniziato a sfruttare la mia passione per  condividere i miei pensieri con gli altri, mi è sempre riuscito più facile scrivere che parlare soffrendo di balbuzie. Ora occupa una gran parte della mia vita, riuscendomi a ritagliare ogni giorno del tempo da dedicarle.

Stili una scaletta prima di scrivere o segui l’ispirazione?

L’ispirazione viene prima di tutto, anche per la scaletta devi avere un’idea ben precisa e devi essere appunto inspirato. Comunque, dopo l’idea arrangio una scaletta che resterà in un eterno ‘work in progress’ fino alla fine del racconto o romanzo che sia.

Hai già pubblicato dei libri? Quali?

Sì, ho pubblicato Fra-Fuori dal grigio (Chiado Editore), e ho vinto un contratto con Montag Edizioni per la raccolta di racconti “Novelle criminali”, tramite segnalazione alla II° Edizione del Concorso Nazionale Le Fenici.

fra fuori dal grigio

Scegli una citazione che rappresenti te.

“Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola”

(Paolo Borsellino)

Scegli una citazione che rappresenti il tuo rapporto con la scrittura.

Non so una citazione che rappresenti il mio rapporto personale con la scrittura, ma comprendo quanto sia benefica e terapeutica per me.Come vi ho detto prima, ho sofferto di balbuzie fin da bambino e sono sempre stato una persona molto introversa, chiusa nel suo universo, o nella visione di un mondo migliore. La scrittura con gli anni, ha quasi eliminato il mio tartagliare come una motozappa ingolfata e reso meno timido.

Forse si potrebbe dire: “Uno sfogo silenzioso che può frantumare i timpani di chi l’ascolta”.

Dove possiamo seguirti?

C.E https://www.chiadoeditore.it/libreria/fra-fuori-dal-grigio
Fb  https://www.facebook.com/FraFuoridalgrigio/

Grazie, Salvatore!

Lascia una risposta