Intervista a Simone Falorni

Oggi ha risposto alle nostre domande lo scrittore Simone Falorni. 

simone falorni

Benvenuto Simone, ci racconti da dove vieni e cosa fai nella vita?

Sono nato, cresciuto e tuttora residente a Empoli (un empolese doc in pratica). Ho deciso di esercitarci anche la mia professione di geometra, avendo uno studio mio proprio nel centro cittadino.

Come è entrata la scrittura nella tua vita e che parte occupa attualmente?

Ho sempre avuto una notevole immaginazione; fin da piccolo creavo e raccontavo storie, spesso anche animate con vignette, da narrare e mostrare a familiari, amici, compagni di scuola. Poi, crescendo, ho iniziato a convogliare questa immaginazione in quella che posso definire la mia passione più grande, ovvero la scrittura. Racconti, romanzi, storie in genere che ho messo nero su bianco e che in molte occasioni mi hanno regalato notevoli soddisfazioni, anche grazie a pubblicazioni, premi e riconoscimenti. Negli ultimi anni, ahimé, scrivo un po’ meno. Questione di tempo, sempre più esiguo. Il lavoro, altri impegni, la vita in generale, non me ne concedono più molto. Però è bello, quando possibile, ritagliarsi qualche oretta di relax con il pc o carta e penna davanti, per lasciarsi andare a qualche altra nuova storia.

Stili una scaletta prima di scrivere o segui l’ispirazione?

Solitamente la base di una qualche storia comincia a “ronzarmi” in testa, e allora faccio le dovute ricerche (geografiche, storiche, sociali, ecc.), studio, verifico, comincio a tessere la trama. Il tutto sempre scritto, sviluppando appunto una scaletta, che mi aiuterà successivamente nella stesura dell’opera.

Hai già pubblicato dei libri? Quali?

Attualmente sto promuovendo il mio nuovo libro, “Cronache dalle tenebre”, edito da agosto scorso dalla casa editrice Lilit Books di Montescaglioso (MT), e narrante le vicende di una coppia di vampiri nella Firenze capitale d’Italia, alle prese con tutta una serie di avventure, nelle quali non mancano insidie, pericoli e altre creature fantastiche del mondo fantasy e horror.

Alle spalle poi ho principalmente due raccolte di racconti già edite, cioè “I 7 peccati. Storie di vizi ed eccessi” del 2006 (raccolta di sette racconti, uno per ogni peccato capitale, di genere noir/thriller, pubblicata da L’Autore Libri Firenze, facente capo al gruppo Maremmi Editori Firenze) e “Mesi oscuri” del 2010 (raccolta di dodici racconti, pubblicata da La Riflessione – Davide Zedda Editore di Cagliari, che tratta vari problemi quotidiani della società odierna, come abusi su minori, solitudine di anziani, femminicidi, fine vita, omofobia, ecc.).

Inoltre non mancano racconti editi singolarmente o in antologie, poiché in una qualche maniera si sono contraddistinti in eventi e premi letterari.

cronaca dalle tenebre

Una citazione che rappresenti te?

“La mia unica ambizione è quella di non essere nessuno, mi sembra la soluzione più sensata” di Charles Bukowski.

Una citazione che rappresenti il tuo rapporto con la scrittura?

“Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto” di Italo Calvino.

 Pagina Facebook di Simone Falorni

 

Lascia una risposta