Le streghe di Atripalda di Teodoro Lorenzo

Oggi vi parlo di Le streghe di Atripalda di Teodoro Lorenzo.

le streghe di atripalda

In questo libro non troverete tabelle, classifiche, primati. Quella è cronaca. Vi accompagneranno passioni e sentimenti, l’abbraccio di un padre, la carezza di una madre, l’entusiasmo di un principio e il dolore della
fine. Perché anche lo sport può diventare poesia.Questi gli sport raccontati: hockey su ghiaccio, lotta greco-romana, tiro a segno, carabina, ciclismo, lancio del disco, tiro con l’arco, canoa, golf, pallavolo, vela, judo, atletica (400 metri), pugilato, automobilismo.

Teodoro Lorenzo è già autore del libro Saluti da Buenos Aires in cui ha raccontato di sé:

“Potrò fare qualsiasi professione ma sono e rimarrò un ex calciatore. Oggi faccio l’avvocato ma potrei fare il panettiere, l’astronomo o il venditore di giocattoli: mi sentirei pur sempre un ex calciatore. È una faccenda complicata, come tutte quelle che riguardano la profondità della coscienza. Per spiegarla potrei tentare di rifarmi a quella spaccatura, di cui tutti abbiamo fatto esperienza, tra il fuori e il dentro, tra l’essere e l’apparire, tra il dovere e il piacere, tra l’obbligo e la scelta, tra il cervello e il cuore. Nel mio caso tutto, il dentro, l’essere, il piacere, la scelta, il cuore, è rimasto attaccato al pallone e allo sport. Anche se ho frequentato solo campi di provincia, ben lontano da soldi, fama e veline. Anche se posso vantare solo tristi primati, come quello di essere l’unico calciatore della storia ad essersi fratturato il femore nel corso di una partita. Avevo 17 anni e giocavo nei ragazzi della Juventus. Ho cominciato allora a scrivere questo libro, nel quale ho voluto celebrare lo sport, inteso come luogo dell’anima, come meraviglioso crogiolo nel cui fuoco eterno vive e si consuma in un istante, in una parossistica esaltazione, gioia e dolore. Troverete quattordici racconti; ogni racconto si inquadra nella cornice di una diversa disciplina sportiva. C’è anche il calcio, naturalmente, peraltro l’unico racconto interamente autobiografico. È lì infatti che ho rievocato i drammatici momenti del mio infortunio”.

Infatti Teodoro Lorenzo, ex calciatore professionista dopo le giovanili nella Juventus , oggi fa l’avvocato a Torino.
Ha già pubblicato con Bradipolibri Edizioni nel 2009 un libro di racconti sportivi dal titolo “Saluti da Buenos Aires“, il libro pubblicato nel maggio di quest’anno dalla stessa casa editrice e dal titolo “Le streghe di Atripalda”  ne  rappresenta l’ideale continuità.
Anche qui ci sono racconti sportivi , altri 14, e concernono quelle discipline sportive che non erano state trattate nel primo libro.

Buona lettura!

Lascia una risposta