La provetta e la penna

Recensione IL SISTEMA PERIODICO di P. LEVI

Sistema periodico primo levi

La provetta e la penna

Quando sentiamo parlare di sistema periodico, la prima cosa che ci viene in mente non  possono essere che ricordi scolastici. Chiunque abbia incontrato la chimica nel proprio percorso di formazione  ricorderà con timore o con piacere la tavola degli elementi. Ricordo ancora il mio rapporto con la chimica, nei due anni in cui ci ho avuto a che fare. Dopo un’iniziale innamoramento, probabilmente dovuto alla novità della materia, divenne una vera e propria guerra. Verso metà programma , gli argomenti si trasformarono in una serie di formule senza costrutto, un linguaggio enigmatico che io, per quanto mi sforzassi , non riuscivo a decifrare. Quando la lasciai feci i salti di gioia. E ora, anni dopo, mi ritrovo a leggere un libro il cui titolo, apparentemente, non lascia spazio all’immaginazione. Ma qui parliamo di Primo Levi e ciò basta a rassicurare anche il lettore più diffidente. Al contrario del suo ingannevole ( ma non troppo) titolo, IL SISTEMA PERIODICO non è affatto un  trattato di chimica, ma una serie di racconti, ciascuno intitolato con il nome di un elemento,che , messi insieme, formano la biografia dell’autore. E’ cosa nota che Primo Levi era un chimico, prima che uno scrittore, e quindi un esperto conoscitore della materia in tutte le sue forme, perciò non deve stupire se, per raccontare la sua storia , si serve proprio del ramo della scienza cui aveva scelto di dedicarsi, a suo parere “un caso particolare, una versione più strenua del mestiere di vivere”. Attraverso questi racconti , l’autore ci dimostra non solo come la chimica fosse parte della sua vita quanto un arto, ma anche come essa non sia un linguaggio astruso fatto di numeri e formule, ma, al contrario, è ovunque nella vita quotidiana, in tutto ciò che facciamo.  Chi non la ama come materia se lo sente ripetere un’infinità di volte, e per quanto razionalmente sappia che è vero, una parte di lui continuerà a vederla sempre come qualcosa di lontano e astruso. IL SISTEMA PERIODICO pone rimedio proprio a questo. Con il suo stile semplice e la prosa secca e priva di fronzoli riesce a spiegare anche al lettore più impreparato i processi chimici più complessi. Spesso fa persino ridere. Durante la lettura mi sono chiesta se sarei diventata una scienziata, nel caso lo avessi letto prima. Non so darmi una risposta. Quel che è certo è che questo libro mi ha fatto fare pace con ciò che prima odiavo, accendendo in me una nuova curiosità e ampliando la mia sete di conoscenza, proprio come deve fare ogni libro degno di questo nome. Per non parlare poi del puro piacere di leggere un autore come Primo Levi che, al di la del suo ruolo di testimone, merita di essere letto e apprezzato, soprattutto dai giovani.

Lascia una risposta