La folle corsa allo spazio. Se il sole muore di O. Fallaci

Recensione SE IL SOLE MUORE di Oriana Fallaci. BUR

Se il sole muore

La folle corsa allo spazio 

L’essere umano è portato per natura a tentare di superare i propri limiti. E ciò non è mai stato tanto evidente come nel secondo dopoguerra, quando il mondo intero impazzì per il progetto di raggiungere la Luna, unico satellite naturale tra quanti orbitano sulle nostre teste.  SE IL SOLE MUORE racconta proprio questo, quella folle corsa all’allunaggio. Era quella un’epoca in cui il progresso scientifico e  tecnologico correva a mille all’ora e tutti sembravano come impazziti per quell’impresa. Per me, nata negli anni 90, figlia del benessere, è una storia strana, per certi versi anche assurda, ma se si prova a pensare con la mentalità di allora, ci si rende conto che quanto accadeva era davvero qualcosa che il mondo, appena uscito dal suo  periodo più nero, e  con tanta voglia di andare avanti e dimenticare, non aveva mai visto. L’autrice, nel racconto, intreccia storia, riflessioni e flash back , creando un opus che induce a pensare. Oriana rimuove la facciata dorata che i media spiattellavano alla gente, per mostrarci il volto nudo e crudo di quel mondo. Un mondo dove i suoi abitanti parevano aver scordato la loro essenza di persone per diventare macchine, ingranaggi di uno spietato sistema che li spremeva fino al midollo e per cosa? Per il progresso? Perché il sole ,un giorno, si spegnerà e bisogna trovare un altro pianeta dove vivere?  No. L’ autrice non lo dice esplicitamente, ma i veri motivi di quella folle corsa erano altri.  Non l’amore per la scienza e il progresso, ma per il potere, la competizione con l’avversario d’oltre oceano : l’ Unione Sovietica. Il nocciolo della questione era tutto qui : una gara per stabilire quale fosse la potenza migliore. La padrona del mondo. E il popolino credulone andava su di giri, cullato dall’illusione che l’umanità avesse messo la testa a posto. Dal canto loro, astronauti, tecnici e tutti gli altri eseguivano gli ordini senza soffermarsi nemmeno un momento a pensare a quel che stavano facendo. Le loro famiglie erano indifferenti. E non poteva essere altrimenti. Quando affronti qualcosa troppo più grande di te o diventi un automa o impazzisci. Sulla Luna ci si arrivò, ma ad un prezzo spaventoso. Miliardi e miliardi spesi per mandare l’essere umano su un pianeta morto, senza aria, né acqua. E tutto per un mero gioco politico. Perché , in fin dei conti, ogni azione umana a ciò si riduce. Quanto al fatto che il sole morirà, una cosa è certa :moriremo anche noi, perché tutta la scienza e la tecnologia umane non potranno mai costruire un’astronave abbastanza grande da contenere nove miliardi di persone. Perciò restiamo qui a ricordare quel che non ci piace ricordare : che siamo creature limitate.

Veronika decide di morire

One thought on “La folle corsa allo spazio. Se il sole muore di O. Fallaci

Lascia una risposta