C’è chi dice no di Andrea Martina

“Iniziò tutto nell’Aprile dello scorso anno in un appartamento a Padova
abitato da tre studenti. Uno di questi era il figlio del Ministro Rovai, aveva vent’anni” (p. 14), omicidio o suicidio? Il caso sarà assegnato all’agente Francesco Russo che, incaricato dai Servizi Segreti, dovrà indagare sulla morte di Matteo, il figlio del Ministro degli Interni.

C'è chi dice no di Andrea martina

Il suo compito è quello di infiltrarsi nell’ambiente criminale per scoprire i possibili legami tra il giovane defunto e il traffico di stupefacenti. Presto, però, Francesco dovrà fare i conti con la realtà, scoprendo i legami tra uomini politici e associazioni a delinquere di stampo mafioso sia italiane, responsabili delle stragi degli anni ’90, sia serbe. Ritrovandosi “in mezzo a un gioco talmente pericoloso da non capire chi sono i buoni e i cattivi e, soprattutto, cosa è giusto o sbagliato” (p. 96), l’agente si rende conto di quanto sia rischiosa anche la sua relazione con Diana.
Non è più soltanto un caso di suicidio/omicidio ma anche di riciclaggio, usura e traffico internazionale di droga, tra cui la metanfetamina shaboo. Un business che sceglie Padova come città strategica per l’asse Brindisi-Milano, un’ottima cerniera con Trieste e Venezia, un vero e proprio “corridoio dove sono passati quintali di droga indisturbati, con alcuni ufficiali pronti a chiudere un occhio e ad azzerare i clan rivali” (p. 244).
C’è chi dice no, di Andrea Martina (Lupo Editore, 2015, pp. 252, euro 14,00), è il ritratto di chi sceglie con onestà di stare dalla parte del “no” e combatte il male a costo della propria vita, come fa il protagonista principale di questo intreccio verosimile.
Mescolando elementi tipici del giallo e del noir, l’Autore ha saputo dar vita a un romanzo che sembra la sintesi perfetta della cronaca nera di cui i mass media ci informano quotidianamente, come se fosse la sceneggiatura di un film, mai scontato o prevedibile.
Un libro avvincente e di agile lettura, adatto anche ai non amanti di questo genere letterario.

Lascia una risposta